Varie

Il 23% dei domini preso di mira da attacchi informatici

Posted by Valentina Beretta on
Il 23% dei domini preso di mira da attacchi informatici

Quasi un quarto dei domini dei brand a livello mondiale è stato attaccato dai cyber criminali, con un impatto negativo sul giro d’affari per il 62% dei brand.

“I domini costituiscono il nucleo dell’azienda e l’identità del brand, e non è mai stato così importante proteggerli come in questo momento”, spiega Chrissie Jamieson, VP of marketing di MarkMonitor, azienda specializzata in protezione del brand aziendale.

Secondo l’ultimo report rilasciato dalla società, che ha coinvolto 700 decision maker compresi tra marketing, IT e uffici legali di Gran Bretagna, Stati Uniti, Germania, Francia e Italia, almeno metà del campione ritiene che la violazione del brand sia cresciuta durante l’anno passato. E il 46% afferma che le minacce informatiche hanno influenzato lo sviluppo della strategia dei domini.

La responsabilità del controllo dei domini è a compartimenti stagni

Il report ha evidenziato che la responsabilità del controllo e della sicurezza dei domini è a compartimenti stagni, con i reparti IT / sicurezza IT considerati responsabili per la gestione dei domini dal 46% degli intervistati, seguiti da Ufficio legale (16%), e Marketing (13%).

“È necessario sforzarsi maggiormente per mantenere protetto un brand online anziché interessarsi solamente ai domini – continua Jamieson -. Si tratta di mettere in atto un’ampia e olistica strategia di protezione del brand che si concentri su domini, frodi e altre forme di violazioni, e che coinvolga un numero elevato di dipartimenti all’interno dell’azienda”.

Molte organizzazioni non sono state proattive nella sicurezza

Sempre secondo il report, gli argomenti riguardanti la gestione dei domini più citati sono la sicurezza (56%), i costi (40%), e tenere traccia dei domini (34%). Queste problematiche sono accentuate dal fatto che non tutti i domini sono attivi, il 56% degli intervistati detiene fino a 100 domini, mentre solo il 18% afferma che più di tre quarti di questi sono attivi. Per di più, nonostante il 43% affermi che il dominio è parte vitale sia della crescita del brand sia della salvaguardia della fiducia del cliente, molte organizzazioni non sono state proattive nella gestione e nella loro sicurezza. Il 26% dei brand si affida solamente a un avviso per il processo di rinnovo, il 21% dispone di una sola persona che gestisce il processo, e soltanto il 25% ha un piano che include una collaborazione interdipartimentale.

L’impatto politico e legislativo sulla gestione del dominio

Il 39% dei brand ha poi affermato che la Brexit ha avuto un forte impatto sulla loro strategia di dominio, così come il General Data Protection Regulation (GDPR). Quasi la metà degli interpellati (46%) afferma che il GDPR ha avuto effetti sulla strategia di dominio, mentre il 18% sostiene che con queste novità trova più difficoltoso proteggersi contro le violazioni.

“Anche le problematiche politiche e legislative hanno avuto un impatto sulla gestione e sicurezza del dominio – aggiunge Jamieson -. È necessario che vengano considerate parte del programma della protezione del brand online dell’azienda, in modo che possano effettivamente limitare i rischi, fare leva sui benefici della rete e al tempo stesso proteggere gli asset cruciali”.

Varie

L’Enea presenta il giardiniere “virtuale”

Posted by Valentina Beretta on
L’Enea presenta il giardiniere “virtuale”

Novità green per chi deve creare, allestire e gestire aree verdi in l’Italia. L’idea è il frutto di un progetto dell’Enea – Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile – che ha l’obiettivo di ridurre i costi di gestione delle aree verdi e il consumo di acqua, ma anche di scoprire eventuali utilizzi alternativi delle piante nell’alimentazione e nell’artigianato e i loro legami con l’arte, la letteratura, la musica e il territorio. Ecco Anthosart Green Tool, battezzato appunto come il nome del progetto Enea realizzato in in collaborazione con Forum Plinianum e Società Botanica Italiana e finanziato dal ministero dell’Istruzione. Si tratta di un innovativo strumento per progettare aree verdi con specie della flora d’Italia e per individuare quelle più idonee sulla base dell’area geografica e delle caratteristiche ambientali.

Disponibile gratuitamente per smartphone e tablet

Per chi fosse interessato, Anthosart Green Tool si scarica gratuitamente per smarthphone e tablet. Spiega Enea in una nota: “Questo giardiniere virtuale, pensato per vivaisti, progettisti, amministratori e privati cittadini, consente di selezionare un set di specie presenti nel nostro Paese tra le oltre 1.400 disponibili nel database per allestire spazi verdi ed accedere a un corredo di informazioni”. Per spiegare come funziona, basta inserire i dati relativi all’area geografica, altitudine d’interesse, tipo di infrastruttura da realizzare (aiuola, giardino roccioso, viale, ecc…), tipologia e colori preferiti, livello di luminosità, umidità e salinità del terreno: a questo punto il sistema presenta tutte le informazioni sulle specie più idonee, fotografie, schede botaniche, approfondimenti culturali, consigli e link. Questa iniziativa, oltre a migliorare le aree verdi e a facilitarne al gestione, vuole contribuire alla salvaguardia e alla valorizzazione della biodiversità nazionale e dei paesaggi urbani e alla riduzione dei danni indotti dall’introduzione di specie aliene.

Una grande opportunità per la progettazione del verde

“La ricchezza della nostra flora, con oltre 7mila specie, e la capacità di adattamento alle diverse caratteristiche ambientali del territorio, offre grandi opportunità per la progettazione del verde e risponde anche alle esigenze di diversificazione dell’offerta del settore vivaistico”, ha affermato Patrizia Menegoni della divisione Enea di Protezione e valorizzazione del territorio e del capitale naturale. “Giardini, bordure, aiuole, tetti e pareti verdi potranno divenire luoghi di collegamento tra le infrastrutture verdi e il paesaggio naturale per riportare la natura in città e costruire un verde urbano più sostenibile, migliorando anche la qualità della vita e il benessere delle persone”.

Acquisti

Capsule del caffè, compatibili od originali? A ognuno la sua scelta

Posted by Valentina Beretta on
Capsule del caffè, compatibili od originali? A ognuno la sua scelta

Negli ultimi anni c’è stato una vera e propria “esplosione” delle macchine da caffè per uso domestico. Comodissime, sempre pronte e senza sprechi, sono anche belle sotto il profilo del design. E, soprattuto, garantiscono un caffè fragrante in pochi secondi, semplicemente inserendo la capsula nella macchina. Proprio su questo aspetto, però, si apre il dibattito: quasi ogni brand, oltre a commercializzare la macchina, offre le sue capsule con l’identico marchio. In contemporanea, nei negozi fisici così come on line, ci sono tantissime altre scelte alternative, le cosiddette compatibili. Arriviamo alla domanda, che tutti i consumatori di caffè si sono sicuramente fatti almeno una volta nella vita: le compatibili vanno bene come le originali? A cui segue la seconda questione: non è che rischiano di danneggiare la macchina? Le risposte sono facili: si, le capsule compatibili vanno benissimo e no, non c’è il rischio che si rovini la macchina.

Scegliere la compatibile “giusta”

Naturalmente per mantenere in perfetta salute la propria macchina, e per garantirsi un’ottima tazza di caffè, bisogna scegliere bene le capsule compatibili. Questo perché ogni modello ha la sua specifica gamma di compatibili, che vanno utilizzate solo e soltanto su una precisa macchina da caffè e non sulle altre. In parole semplici, ogni “sistema” ha le sue macchine e le sue capsule. Come il sistema Nescafè Dolce Gusto, tra i più apprezzati del mercato proprio per la gradevolezza del design delle macchine e la vasta scelta di capsule. Per scoprirle tutte, compatibili e originali, basta una visita al portale on line italiano del caffè in cialde e capsule di qualità, CialdaMia. Oltre alle capsule a marchio Nescafè Dolce Gusto, c’è una selezione davvero ampia di compatibili, prodotte anche da nomi celebri della torrefazione. Tra questi, spiccano le capsule compatibili dolce gusto a marchio CialdaMia, particolarmente convenienti e pensate espressamente per quel tipo di macchina.

Questione di gusti

Una volta assodato che le compatibili non creano nessun problema alla macchina – la prova del nove è se la capsula non fa nessuna resistenza quando la si inserisce – non resta che scegliere in base ai propri gusti personali. Ad esempio le compatibili Nescafè Dolce Gusto di CialdaMia sono disponibili in diverse miscele, tutte di altissima qualità: arabica, cremoso, intenso e decaffeinato. E, se non bastasse il caffè, ci sono anche altre prodotti in capsula che possono soddisfare i desideri di tutta la famiglia, bambini compresi: dal caffè presso al tè al limone fino al cioccolato, solo per citare alcune referenze.

Come scegliere?

Se si è acquistata da poco una macchina da caffè e si vogliono testare le varie miscele e i diversi prodotti disponibili sul mercato, non resta che… provare sul campo. Per non fare scelte azzardate, il consiglio è di iniziare facendo delle piccole ordinazioni, possibili sia nei negozi sia sugli store online. Una volta trovato il proprio aroma del cuore, magari proprio una capsula compatibile Nescafè Dolce Gusto, si potranno fare ordini più sostanziosi e mirati. Anche perché, nella vita reale come sul web, più si fa scorta e più si ha l’occasione di risparmiare.

Economia

Gli italiani sono affezionati al contante, che vale il 52% delle transazioni

Posted by Valentina Beretta on
Gli italiani sono affezionati al contante, che vale il 52% delle transazioni

Il contante a oggi è ancora il mezzo di pagamento più diffuso tra i cittadini italiani, e vale il 52% del totale transato, per uno scontrino medio di 16 euro. Insieme alle carte, copre l’85% del totale transato, e raggiunge 337 di miliardi di euro rispetto ai 220 miliardi delle carte. Ma se queste ultime nel 2017 confermano una crescita a doppia cifra anno su anno nell’ultimo triennio, lo scontrino medio di 60,5 euro riflette un utilizzo ancora poco frequente per le piccole e medie spese quotidiane, che rimangono appannaggio del contante per la maggioranza dei consumatori. Il restante 15% del mercato dei pagamenti è processato con altri strumenti, come l’addebito in conto corrente, il bonifico bancario, l’assegno e i buoni pasto, che insieme valgono 97 miliardi di euro.

Crescono gli addebiti in conto corrente a sfavore degli assegni

Sono alcuni risultati della ricerca dedicata al mondo dei pagamenti degli italiani, condotta dall’Osservatorio Mobile Payment & Commerce della School of Management del Politecnico di Milano, secondo la quale nel 2017 gli italiani hanno acquistato beni e servizi di consumo per un totale di 654 miliardi di euro.

In questo mercato gli strumenti di pagamento principalmente utilizzati dagli italiani sono il contante e le carte di pagamento, utilizzate da più dell’80% degli italiani per spese in negozio e online. Sono cresciuti però anche gli addebiti in conto corrente, grazie alle domiciliazioni bancarie delle utenze domestiche promosse dalle politiche commerciali delle utility. E si diffondono sempre più gli strumenti di Internet e Mobile banking. Decresce, invece, l’utilizzo degli assegni, in favore soprattutto dei bonifici.

I canali di pagamento

Se si considerano i canali attraverso i quali i consumatori scelgono di effettuare un pagamento, quello di Proximity Payment rappresenta nel 2017 il 91% del totale del mercato, per un valore di 570 miliardi di euro. E si prevede che tale canale rimarrà il più importante anche nei prossimi cinque anni. I canali online di Remote Payment rappresentano il residuale 9% del mercato, con un valore transato di 59 miliardi di euro, e pur trattandosi di un mercato di valore secondario rispetto al canale offline, mostrano elevati tassi di crescita anno su anno, in particolare per quanto riguarda la componente di acquisti su siti eCommerce e pagamenti tramite bonifico da home banking.

I trend per i prossimi 5 anni

“Nei prossimi 5 anni prevediamo un forte avvicinamento del transato con carta a discapito di quello con contante – dichiara Valeria Portale, Direttore dell’Osservatorio Mobile Payment & Commerce del Politecnico di Milano -. Il definitivo superamento, o almeno l’avvicinamento, delle carte al contante per valore del transato dipenderà però anche da diversi fattori, come le eventuali azioni intraprese dal Governo verso la ‘war on cash’ o le iniziative promosse dagli attori della filiera per promuovere l’uso di strumenti di pagamento innovativi”.

 

Economia

A febbraio Pil stimato -0,1% annuo

Posted by Valentina Beretta on
A febbraio Pil stimato -0,1% annuo

A inizio 2019 le difficoltà dell’economia e le aspettative di crescita incerte tornano a condizionare negativamente i consumi delle famiglie. Questa situazione di permanente debolezza nei principali indicatori porta a stimare per il mese di febbraio una variazione congiunturale nulla del Pil mensile. Un dato che porterebbe a una decrescita del -0,1% rispetto allo stesso periodo del 2018.

A dicembre 2018, al netto dei fattori stagionali, la produzione industriale ha subito un ulteriore calo del -0,8% su base mensile, e del 5,4% su base annua. A gennaio 2019, quindi, la fiducia ha mostrato andamenti decrescenti tra le imprese e leggermente crescenti per i consumatori.

La fiducia delle imprese a gennaio ridotta dello 0,5%

A dicembre 2018 l’occupazione non ha registrato variazioni di rilievo rispetto al mese precedente, ma nel confronto annuo permane in moderata crescita (+0,1% su base mensile, +0,9% su base annua).  Da quanto emerge dal rapporto Congiuntura di Confcommercio a gennaio il sentiment delle imprese, in linea con un quadro economico non favorevole, si è ridotto dello 0,5%. Anche la fiducia delle imprese al dettaglio è peggiorata del -2,1% su dicembre, mentre il clima di fiducia delle famiglie ha registrato un miglioramento dello 0,7%.

L’ ICC torna stazionario

Gli andamenti degli ultimi mesi sembrano quindi suggerire come il recupero di ottobre e novembre abbia rappresentato più un fatto episodico, concentrato in alcuni segmenti di spesa come gli elettrodomestici e l’elettronica di consumo. Un recupero favorito da bassi prezzi e iniziative promozionali piuttosto che dall’inizio di una fase di miglioramento della domanda. A gennaio 2019 l’indicatore dei Consumi Confcommercio (ICC) ha infatti segnato una diminuzione dello 0,3% in termini congiunturali e un aumento dell’1,1% nel confronto con lo stesso mese del 2018. In termini di media mobile a tre mesi, dopo il recupero degli ultimi periodi l’indicatore è tornato stazionario.

Unica variazione positiva beni e servizi ICT

La diminuzione dello 0,3% registrata in termini congiunturali dall’ICC a gennaio è sintesi di una flessione dello 0,2% della domanda relativa ai servizi e dello 0,3% per i beni, riporta Italpress. L’unica variazione positiva ha riguardato le spese per beni e servizi per le comunicazioni (+0,6% su dicembre), sul cui andamento continua a influire il favorevole andamento della domanda per i beni ICT. Per contro, la diminuzione più significativa si è registrata per i beni e servizi per la mobilità (-1,7%), sui quali ha pesato l’andamento non positivo della domanda di autovetture. In diminuzione anche la spesa per alberghi e consumazioni fuori casa (-0,4% su dicembre).

Economia

Lavoro, nel periodo gennaio-novembre 2018 +5% di assunzioni nel settore privato

Posted by Valentina Beretta on
Lavoro, nel periodo gennaio-novembre 2018 +5% di assunzioni nel settore privato

Il 2018 si è chiuso con una certa dinamicità del mercato del lavoro, almeno nel settore privato. Lo segnala l’INPS, che ha monitorato le assunzioni complessive nel lasso di tempo gennaio-novembre 2018. L’Istituto nazionale di previdenza sociale ha rivelato che nel periodo in esame, in riferimento ai soli datori di lavoro privati, le assunzioni sono state 6.890.000. Si tratta di un aumento del 5% ( pari a 325.000 unità in più ) rispetto allo stesso periodo del 2017.

Aumentano tutte le tipologie di contratti

Dai dati dell’INPS, risultano in crescita tutte le componenti: i contratti a tempo indeterminato vedono un aumento del +5,9%, i contratti a tempo determinato del +4,3%, i contratti di apprendistato del +11,9%, i contratti stagionali del +6,3%, i contratti in somministrazione del +2,4% e i contratti intermittenti del +7,7%. Per le assunzioni in somministrazione e a tempo determinato la fase di crescita si è conclusa ad agosto 2018. Positivo andamento anche per le trasformazioni da tempo determinato a tempo indeterminato: nello stesso periodo l’incremento registrato è del +69,3%, pari a 186.000 unità. In controtendenza i rapporti di apprendistato confermati alla conclusione del periodo formativo, che sono invece in diminuzione: -15,0%, -10.000.

Crescono anche le cessazioni
Le cessazioni nel complesso sono state 6.265.000, in aumento rispetto all’anno precedente (+8,8%, +508.000). Un fenomeno che si registra fortemente in tutte le tipologie di rapporti a termine a partire dai contratti a tempo determinato (+15%) per arrivare ai contratti intermittenti (+30%), mentre diminuiscono le cessazioni riferite ai rapporti a tempo indeterminato (-3,5%, -52.000).

Il saldo nel settore privato

Nel periodo gennaio-novembre 2018, nel settore privato, si registra un saldo, tra assunzioni e cessazioni, pari a +625.000, inferiore a quello del corrispondente periodo del 2017 (+807.000). Su base annua, considerando la differenza tra assunzioni e cessazioni per il periodo 1 dicembre 2017-30 novembre 2018, il saldo coincide con la variazione tendenziale delle posizioni di lavoro. A fine novembre 2018 esso risultava positivo e pari a +283.000, in  calo rispetto a quello registrato ad ottobre (+314.000). I saldi tendenziali per le diverse tipologie contrattuali attestano un andamento sempre più positivo per i rapporti di lavoro a tempo indeterminato (+134.000) e per l’apprendistato (+80.000). La consistenza dei lavoratori impiegati con Contratti di Prestazione Occasionale (CPO), a novembre 2018 si attesta intorno alle 18.000 unità (erano poco più di 15.000 a novembre 2017); l’importo medio mensile lordo della loro remunerazione effettiva risulta pari a circa 240 euro.

Acquisti

20 Regali di Natale, il 68% sono falsi

Posted by Valentina Beretta on
20 Regali di Natale, il 68% sono falsi

La paura delle frodi online e dei falsi è sempre presente, in particolare durante il periodo di Natale, quando la corsa agli acquisti si fa più intensa. Il 45% dei consumatori teme infatti di comprare prodotti falsi come regalo di Natale, il 46% è preoccupato di utilizzare la propria carta di credito online e il 53% non acquista tramite i social media. Ma nonostante i timori e le cautele dei consumatori, uno su tre (30%) ha inavvertitamente acquistato un prodotto falso, e il 68% dei prodotti contraffatti risultano comprati proprio come regali di Natale. I contraffattori stanno quindi traendo vantaggio dal Natale, almeno secondo la nuova ricerca di MarkMonitor, l’azienda specializzata nella protezione del brand aziendale.

Un maggior livello di consapevolezza

La ricerca ha coinvolto 2600 consumatori tra Regno Unito, Stati Uniti, Germania, Francia e Italia, per valutare il comportamento nei confronti dello shopping online, l’acquisto di prodotti contraffatti e il ruolo dei brand. I risultati mostrano che nonostante non tutti gli acquisti di Natale vengano fatti online, i consumatori spendono la maggior parte del loro denaro sui marketplace (37%) e sui siti ufficiali dei brand (17%), mentre il 38% spende la maggior parte del proprio budget di Natale nei negozi fisici.

I consumatori, però, hanno dimostrato un maggior livello di consapevolezza in termini di sicurezza quando effettuano acquisti sui marketplace online (88%), tramite i link nei risultati di ricerca (63%) e sulle app degli smartphone (59%).

Sui marketplace il 26% degli acquisti di prodotti contraffatti

Chi ha acquistano inconsapevolmente prodotti contraffatti lo ha fatto proprio sui marketplace (26%), tramite app su smartphone (17%), basandosi sui risultati dei motori di ricerca (13%), e su post sponsorizzati sui social media (11%). Ciò si verifica a dispetto del fatto che molti canali, come ad esempio i marketplace, abbiano in atto programmi per mitigare il rischio di vendita di prodotti contraffatti.

“I consumatori stanno diventando più accorti nel loro comportamento d’acquisto online, tuttavia non è ancora abbastanza – conferma Chrissie Jamieson, Vice President Marketing di MarkMonitor -.Sono tuttora vittime dei contraffattori, vengono ingannati e indotti a comprare prodotti falsi”.

Un rischio anche per la salute

La ricerca mostra che la maggioranza dei consumatori truffati (88%) crede che i brand dovrebbero fare di più per proteggerli. “Gli acquirenti stanno spendendo sempre più soldi online, il che aumenta il rischio di frodi o di comprare inavvertitamente un prodotto contraffatto continua Jamieson -. Questo mette in evidenza la natura onnicomprensiva della protezione del brand attraverso tutti i canali, anche quelli ritenuti più affidabili dai consumatori”.

Molti prodotti contraffatti di elettronica, cosmetica e giocattoli, rappresentano un rischio per la salute e il benessere dei consumatori. Un motivo in più per evitare i “falsi”.

Acquisti

Il Tax Free Shopping cala in Europa, ma in 7 anni raddoppia i volumi del Lusso

Posted by Valentina Beretta on
Il Tax Free Shopping cala in Europa, ma in 7 anni raddoppia i volumi del Lusso

Global Blue traccia le tendenze del mercato nei primi nove mesi del 2018. Con l’obiettivo di analizzare le dinamiche di acquisto dei turisti extra-UE Global Blue ha determinato le evoluzioni delle transazioni Tax Free nei tre principali segmenti di riferimento, Luxury, Premium e Mass. In linea con le dinamiche di arrivi turistici e i profili dei Globe Shopper, si è assistito a una flessione nei segmenti Luxury (-8%), e Premium (-10%), mentre il segmento Mass risulta invariato rispetto allo scorso anno. Negli ultimi sette anni però in Europa il Tax Free Shopping ha rappresentato uno dei principali driver di crescita del settore Lusso, raddoppiando il suo volume.
Meno transazioni, ma più valore per lo scontrino medio
Nei primi nove mesi del 2018 l’Europa ha registrato un calo delle vendite Tax Free (-6%) rispetto al medesimo periodo del 2017. In particolare, il Tax Free Shopping ha rallentato in Italia (-8%), Gran Bretagna (-8%), Spagna (-8%) e Germania (-13%).
In controtendenza la Francia, unico Paese europeo nel quale le vendite Tax Free hanno registrato un segno positivo (+1%), grazie soprattutto agli acquisti dei Globe Shopper appartenenti ai segmenti Elite (2,2%) e Frequent (17,7%) meno sensibili alle oscillazioni valutarie, riporta askanews.
A fronte del minor numero di transazioni i dati Global Blue hanno registrato però un aumento del valore dello scontrino medio europeo (+2%).
I Millennials protagonisti del Tax Free Shopping francese
Nel 2017 i Millennials sono stati i principali fautori dell’incremento del Tax Free Shopping francese. Con un’età compresa fra i 18 e i 34 anni rappresentano il 31% del totale dei Globe Shopper, con un potere di acquisto che nel 2017 ha registrato un +17% sul 2016. Nel 2017 la spesa annuale in Tax Free dei Millennials appartenenti alla categoria Infrequent è stata pari a circa 1.700 euro (+10% vs 2016), quella dei Frequent a 4.000 euro (+17% vs 2016), e oltre 51.000 euro (+10% vs 2016) quella della categoria Elite.
Le nazionalità dei Globe Shopper
Nei primi nove mesi del 2018 i protagonisti del Tax Free Shopping sono i Globe Shopper cinesi. Seppure in lieve calo (-4% rispetto al 2017), rappresentano il 29% del totale degli acquisti effettuati in Europa. Il Vecchio Continente continua a essere meta di shopping anche per i viaggiatori provenienti dai Paesi del Golfo (11%), e per quelli in arrivo dalla Russia (8%). Nel periodo gennaio-settembre 2018, eccezion fatta per i turisti russi, i Globe Shopper hanno prediletto la Francia come destinazione di viaggio rispetto agli altri Paesi tradizionalmente considerati mete di shopping. E l’Italia è il paese che ha scontato maggiormente la frenata dello shopping dei viaggiatori del Middle East (-16%).

Economia

Millennials e lavoro: più fiducia nel futuro

Posted by Valentina Beretta on
Millennials e lavoro: più fiducia nel futuro

I millennials hanno fiducia nel futuro, sono capaci di adattarsi rapidamente a innovazioni e cambiamenti, e sanno cogliere tutte le opportunità della Gig Economy. Soprattutto per quanto riguarda il futuro del mondo del lavoro.

La conferma arriva dal report pubblicato da CornerJob, l’app per il mobile recruitment, basato sui risultati di una ricerca condotta a giugno 2018 su 1,2 milioni di utenti di età compresa tra i 18 e i 35 anni. Secondo i risultati della ricerca infatti, nonostante l’Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo) registri negli ultimi cinque anni un calo del 53% circa nelle retribuzioni dei lavoratori, il 74% degli intervistati è convinto che il mercato del lavoro cambierà in meglio.

Mobile recruiting e soft skills: come trovare un’occupazione stimolante

I giovani del terzo millennio concepiscono il lavoro come un naturale proseguimento del percorso iniziato tra i banchi di scuola. Al punto che per il 65% degli intervistati l’esperienza aziendale viene anteposta al conseguimento di un diploma universitario. E poiché il loro l’habitat naturale è digitale, riporta Adnkronos, il 77% si affida al mobile recruiting per la ricerca di un impiego. Il modo più diretto e concreto di cercare un’occupazione. L’85% degli intervistati, poi, privilegia un ambiente di lavoro stimolante a condizioni retributive vantaggiose. E, in generale, pensa che le soft skills contino quanto le competenze tecniche.

Qualcosa (non) è cambiato

Se la stabilità economica e la crescita professionale restano due priorità (52%), per i millennials queste non sono necessariamente legate all’esigenza di formare un nucleo familiare (obiettivo per il 10% degli intervistati). E nonostante siano abituati all’idea di un probabile nomadismo professionale, il 72% dichiara di voler restare nella stessa azienda per più di cinque anni. Tanto che il job hopping (cambiare lavoro più o meno ogni sei mesi) interessa solo al 14% degli intervistati. Insomma, pur tenendo in considerazione valori come work-life balance, flessibilità e smart working, i millennials cercano un contratto full-time (63%).

Recuperare i valori del passato adattandoli alla grammatica contemporanea

La popolazione che entro il 2020 rappresenterà più della metà della forza lavoro a livello globale non ha rinunciato al sogno rivoluzionario della cultura digitale iper-connessa e always-on. Ma ha ben compreso che il quadro socioeconomico si sta evolvendo a una velocità diversa da quella prevista.

Consapevoli e inclini alle trasformazioni, i millennials non si perdono d’animo, e non hanno paura di cambiare idea. Anche se ciò potrebbe significare recuperare, pur rileggendoli con la grammatica contemporanea, alcuni valori chiave della generazione che li ha preceduti.

Economia

Il trasporto aereo fa volare l’economia mondiale

Posted by Valentina Beretta on
Il trasporto aereo fa volare l’economia mondiale

Un giro d’affari di 2.700 miliardi di dollari, pari al 3,6% dell’intera economia mondiale. Sono i numeri del trasporto aereo, un settore che fa volare l’economia globale. Lo ha reso noto la Iata, l’Associazione internazionale del trasporto aereo, in un rapporto dal titolo Aviazione: benefici oltre i confini.

Il report analizza l’importanza del trasporto aereo nella società civile, e affronta l’impatto economico, sociale e ambientale dell’industria a livello globale.

“Pensiamo a come i progressi nel trasporto aereo  hanno cambiato il modo in cui le persone e le imprese siano collegate tra loro – commenta Michael Gill, direttore esecutivo Iata -. Gli obiettivi raggiunti sono straordinari. Più gente in più parti del mondo di quanto mai sia stato in precedenza si avvantaggia di poter viaggiare rapidamente e in sicurezza”.

Due scenari possibili per la crescita del settore

Il rapporto prende in esame due scenari possibili per la crescita complessiva del settore. Nel caso di un approccio improntato al libero scambio Iata prevede che per il 2036 la crescita porterebbe il numero dei posti di lavoro a 97,8 milioni, per un giro d’affari di 5.700 miliardi di dollari. Nel caso in cui invece prevalessero le spinte politiche isolazioniste ci sarebbero 12 milioni di posti di lavoro in meno, e il calo del giro d’affari sarebbe pari a 1.200 miliardi di dollari, riporta Askanews.

Nel 2017 le tariffe aeree sono scese del 90% rispetto al 1950

Altri dati contenuti nel rapporto evidenziano che il trasporto aereo movimenta il 35% del commercio mondiale in valore (6.000 miliardi di dollari nel 2017), ma meno dell’15% in volume (62 milioni di tonnellate nel 2017). Sempre nel 2017 le tariffe aeree, in valore attualizzato, erano il 90% più basse rispetto a quelle del 1950, e ciò ha permesso l’accesso ai viaggi aerei a un numero di persone molto più elevato. Tanto che oggi il 57% dei turisti di tutto il mondo raggiunge le proprie destinazioni in aereo.

I lavoratori del settore sono 4,4 volte più produttivi

A livello mondiale, si legge ancora nel report di Iata, sono operative 1.303 compagnie aeree che in totale dispongono di 31.717 aerei, attivi su 45.091 rotte fra nazionali e internazionali. Gli aeroporti in tutto il mondo sono 3.759, e gli enti di assistenza al volo 170. Quanto al numero di posti di lavoro, a livello mondiale il settore ne conta 65,5 milioni, di cui10 milioni in maniera diretta.

Non è tutto, perché la produttività dei lavoratori del trasporto aereo è in media 4,4 volte superiore a quella degli altri settori industriali.