Monthly Archives

3 Articles

Acquisti

Strisce led per decorare casa

Posted by Valentina Beretta on

Le strisce led sono un’ottima idea per riuscire ad illuminare ed enfatizzare un determinato angolo di casa che al momento è poco valorizzato. Apportare delle strisce led oggi va di gran moda in qualsiasi tipo di ambiente, grazie anche al gradevole impatto estetico che la luce è in grado di creare soprattutto quando questa viene posta ad esempio sotto le mensole o sopra i piani cottura, i quali cambiano letteralmente volto e diventano molto più belli da guardare e da vivere. Esse non vengono installate dunque esclusivamente con l’intento di portare della luce laddove questa scarseggia, ma hanno un aspetto decorativo oggi sempre più tenuto in considerazione dagli interior designers di tutto il mondo. Installarle è davvero semplice e non è nemmeno necessario contattare un tecnico, in quanto quelle che trovi su lucefaidate.it sono dotate anche di un utilissimo lato adesivo che ti consente di fissarle esattamente su qualsiasi superficie senza la necessità di ricorrere a viti, trapano e simili.

La loro grande flessibilità inoltre, consente di poterle applicare praticamente dappertutto, anche sugli angoli, e sono disponibili sia a luce fredda che calda così da consentirti di personalizzare ogni ambiente esattamente nella maniera che preferisci. Le strisce led sono vendute in bobine della lunghezza che va da 2.5 a 5 metri, con il grande vantaggio di poterle tagliare se hai bisogno di strisce più piccole, con una dimensione minima che è pari a 3, 5 o 10 centimetri in base al modello prescelto. Alcuni di questi vantano anche un kit di regolazione radiocomandato, che ti consente di controllare a distanza quella che è l’intensità della luce che preferisci così da creare ogni volta l’atmosfera perfetta in base al tuo umore del momento o alla situazione. Sei pronto per arricchire ogni angolo di casa con le ottime strisce led?

Condividi
0
Economia

Se la ripresa italiana perde slancio il 2019 sarà al ribasso

Posted by Valentina Beretta on
Se la ripresa italiana perde slancio il 2019 sarà al ribasso

Le stime dei modelli di breve periodo dell’Ufficio parlamentare di bilancio, segnalano un rallentamento dell’attività economica, che si potrebbe protrarre nel corso dell’estate, determinando un lieve peggioramento delle previsioni di crescita per l’anno in corso. E, in considerazione del minor effetto di trascinamento, influenzando anche i risultati del 2019. L’Ufficio parlamentare di bilancio (Upb) conferma il cambio di marcia del Paese. E come si legge nella nota sulla congiuntura a luglio, questa inversione di tendenza, seppure in linea con l’andamento delle maggiori economie avanzate, fa sì che la ripresa economica in Italia abbia “parzialmente perso slancio”, e rischi di avere un ”effetto trascinamento” anche sul 2019.

Nel primo trimestre 2018 buon andamento dei consumi ma calo di investimenti

Nella media del 2018, l’espansione del Pil si attesterebbe all’1,3%, lievemente al di sotto della previsione Upb dello scorso maggio, che risultavano pari all’1,4%. Per effetto della minor crescita acquisita poi anche l’incremento previsto per il 2019 registrerebbe una correzione al ribasso, con una crescita del Pil di poco superiore all’1%, riferisce Adnkronos.

Nei primi mesi dell’anno, osserva ancora la nota dell’Upb, ”a un buon andamento dei consumi ha fatto riscontro quello negativo di investimenti ed esportazioni”. Nonostante un leggero calo del potere di acquisto delle famiglie (0,2% nel primo trimestre) la dinamica dei consumi ha registrato però un recupero nel primo trimestre dell’anno (0,4% in termini congiunturali).

Una battuta d’arresto che riassorbe i progressi conseguiti nel 2017

Questo andamento positivo nei consumi, aggiunge l’Upb, ”ha beneficiato del clima di fiducia delle famiglie e delle dinamiche occupazionali, che consolidandosi potrebbero continuare a sostenere nel breve termine i piani di spesa delle famiglie”.

Nei primi tre mesi dell’anno, inoltre, la dinamica congiunturale dell’accumulazione del capitale ha subito una battuta d’arresto dell’1,4%, riassorbendo quindi parte dei progressi conseguiti nel 2017.

L’export italiano cala del 2,1%

A pesare sulle decisioni di investimento, secondo l’Upb, ”ha verosimilmente influito l’incertezza relativa al prolungamento per quest’anno delle agevolazioni fiscali per l’acquisto di impianti e macchinari, in contrazione del 2,4% nei primi tre mesi del 2018”.

Inoltre, sottolinea l’Ufficio parlamentare di bilancio, “le prospettive di breve termine, secondo le più recenti indagini sugli ordini dall’estero, restano deboli”. È risultato negativo infatti anche l’apporto all’attività economica da parte degli scambi con l’estero. Nel primo trimestre del 2018 il volume delle esportazioni, che risultava in crescita dalla metà del 2016, ha scontato un calo del 2,1 %.

 

Condividi
0
Varie

Perchè un blog con questo nome strano?

Posted by Valentina Beretta on

Il termine “essay”, in inglese, significa “saggio”, inteso come scrittura. Ecco, questo blog vuole essere una semplice, modesta risorsa per tutti coloro che cercano informazioni sul web scritte in modo accurato, professionale e utile come base di riferimento per svolgere temi, tesi, convegni e quant’altro. Una nuova creatura nell’affollato panorama dei blog, italiani e non, che ha come mission quella di informare in modo trasparente e, sopratutto, affidabile: articoli scritti da noi e ispirati a notizie ed avvenimenti certi.

Spazieremo dalle tematiche economiche e quelle web, passando per consigli e suggerimenti legati al mondo dei consumi, del b2c e del b2b: mondo imprese, statistiche, novità sul mercato, social network, motori di ricerca, tendenze, riflessioni sul mondo sociale e politico. Ma il focus vuole essere proprio l’analisi degli scenari economici del nostro paese: siamo convinti che una corretta informazione guidi i consumi degli utenti, e consumi intelligenti sono in grado di spostare gli equilibri economici di un paese e, quindi, modificare il suo tessuto sociale. Ci riferiamo alla necessità di far emergere la qualità del prodotto, certo, ma anche la politica commerciale delle imprese che guardano al futuro, nel rispetto dei valori etici ed umani, e quelle che guardano esclusivamente al profitto immediato: perchè è da iniziative piccole come la nostra che partono i grandi cambiamenti.

Pensate se ci fossero 1.000, 10.000 o 100.000 blog come il nostro che promuovono, oltre ad una corretta informazione, le aziende, i servizi o i prodotti meritevoli di attenzione da parte del pubblico, stimolando a ragionare sul perchè affidarsi ad un marchio o ad una tipologia di consumo piuttosto che un’altra… Pensate quanto tutto questo potrebbe influenzare le abitudini di acquisto del pubblico che, ogni giorno, naviga sul web alla ricerca di un consiglio: perchè è questo che il web fa, risolve problemi e fornisce risposte. Ecco, vogliamo provarci anche noi: non siamo Google, certo, e forse non abbiamo neanche la possibilità di emergere tra le pagine del motore di ricerca, ma faremo del nostro meglio: e, sicuramente, quando leggerete questo blog, tornerete a navigare convinti di aver appreso qualcosa di interessante. Magari non in linea con ciò che vi aspettavate, o addirittura contrario alla vostra opinione, ma sicuramente interessante.

A presto quindi!

Condividi
0