Daily Archives

One Article

Varie

Riconoscimento facciale, Google valuta i rischi e propone una regolamentazione globale

Posted by Valentina Beretta on
Riconoscimento facciale, Google valuta i rischi e propone una regolamentazione globale

Il riconoscimento facciale generico è una delle applicazioni ad alto rischio che i governi dovrebbero considerare come priorità. Questa la preoccupazione del Ceo di Google, Sundar Pichai, che durante una conferenza sull’intelligenza artificiale organizzata dal think-tank europeo Bruegea a Bruxelles, ha indicato il regolamento europeo sulla protezione dei dati, il Gdpr, come un modello a cui ispirarsi. Al momento Google non offre prodotti per il riconoscimento facciale. Questo perché, secondo Pichai, “comporta molti rischi, perciò da parte nostra – sottolinea il Ceo di Mountain View – c’è un periodo di attesa fino a quando non vedremo come viene utilizzato”.

L’intelligenza artificiale deve essere regolata da standard globali

Ma cos’è il riconoscimento facciale? Si tratta di un sistema creato per identificare una persona da un’immagine o un video. Sul mercato esistono numerose app per il riconoscimento facciale, come FindFace, Facebook Moment, Deep Face, FaceTec, FaceSearch e altre ancora.  Ovviamente, non dovrebbero essere utilizzate in un modo che violino il diritto alla privacy degli individui.

“Non ho dubbi sul fatto che l’intelligenza artificiale debba essere regolata” da standard globali, per questo “l’allineamento internazionale” anche tra Ue e Usa “sarà essenziale, abbiamo bisogno di un accordo sui valori fondamentali”, ha commentato Pichai. Sull’eventualità al vaglio della Ue di introdourre una moratoria di cinque anni per l’uso della tecnologia nei luoghi pubblici in Europa, al fine di valutarne l’impatto e i rischi, Pichai ha dichiarato: “È importante che i governi lavorino il prima possibile a normative” per affrontare lo sviluppo e l’uso di questa tecnologia.

Bilanciare i potenziali danni e le opportunità sociali della tecnologia

L’Ue non deve “partire da zero, le norme esistenti come il Gdpr possono costituire una base solida”, ha sottolineato il Ceo di Google, anche per regolamentare l’utilizzo di applicazioni e tecnologie legate all’intelligenza artificiale. Pichai quindi auspica lo sviluppo di “un quadro normativo ragionevole” con “un approccio proporzionato”, capace di “bilanciare i potenziali danni e le opportunità sociali” della tecnologia.

“Quando ci sarà una regolamentazione – ha aggiunto Pichai – ci saranno organi appositi che avranno il controllo dell’utilizzo dell’AI.

Agire insieme per rafforzare le alleanze transfrontaliere

Il Ceo di Mountain View a Bruxelles ha incontrato i vicepresidenti Ue Margrethe Vestager e Frans Timmermans, responsabili per il digitale, la concorrenza e la sostenibilità.

Affinché la regolamentazione dell’intelligenza artificiale “funzioni bene, dobbiamo agire insieme”, ha affermato Pichai, sollecitando una maggiore inclusione del settore privato nei progetti nazionali, e il rafforzamento delle alleanze transfrontaliere.

Condividi